La gastronomia valenciana e la paella

Scritto da: María Arlandis, il 02/10/2018.

(N.B. Per la traduzione di questo gustosissimo articolo, ho apportato alcune modifiche. Per lo più, in alcuni casi ho deciso di lasciare in corsivo il nome degli ingredienti il lingua originale, apportando la traduzione italiana tra parentesi. Per quanto riguarda il resto, la traduzione è piuttosto scorrevole al lettore italiano, in quanto scritta in uno spagnolo colloquialmente semplice.)


La Spagna ha una gastronomia varia così come le sue regioni. Ognuna di esse ha la sua tradizione gastronomica, i suoi cibi e bevande tipici. In questo articolo ci concentreremosulla gastronomia valenciana.

Come in tutta la Spagna, a Valencia le tapas possono essere un aperitivo o i piatti principali durante una cena o un pranzo. Nei tapas bar puoi trovare diversi tipi di piatti da condividere con l’intero gruppo di commensali. Le tapas valenciane più popolari sono le mejillones (cozze, che a Valencia chiamiamo clóchinas), l’esgarraet (insalata di peperoni e baccalà) e, naturalmente, le patatas bravas valenciane (patate al forno), con la deliziosa salsa allioli a base di aglio.

Altri aperitivi popolari sono le aceitunas (olive), le croquetas (crocchette), i calamari alla romana, il pesce fritto, le puntillas o chipirones (seppie fritte), le seppie e le mandorle fritte.

Se visiti Valencia, devi assolutamente provare la vera paella valenciana che deve contenere questi 10 ingredienti, secondo il Consiglio di Denominazione di Origine: olio, riso, pomodoro, pollo, coniglio, ferradura o bajoqueta (fagiolini piattoni), fagioli, acqua, sale e zafferano. In alcune zone vengono aggiunti degli ingredienti extra, come i carciofi in Benicarló o le lumache.

Si crede che la paella sia nata a Valencia nel XIX secolo, nella zona di Albufera, in un orto di Valencia. Il riso valenciano è famoso in tutto il mondo: ti consiglio di visitare l’Albufera e fare una gita in barca per conoscere tanti piatti a base di riso. La classe alta di Valencia prese l’abitudine di mangiare la paella di domenica. Un altro tipo di paella è quella di pesce, con pesce e frutti di mare, o la paella di senyoret con i gamberi sgusciati. Tradizionalmente, la paella si mangia il sabato e la domenica a mezzogiorno, mai a mezzanotte (solo per i turisti).

La migliore paella per me è quella della mia iaia (mia nonna), ma ti consiglio di provare quella di Palmar o di scrivermi via e-mail per ulteriori consigli. Ho avuto la fortuna di incontrare di persona il vincitore del Concorso Internazionale della Paella Svedese, Raúl del ristorante Bonaire che vi consiglio.

I valenciani sono molto tolleranti nei confronti di molte cose, ma non supportiamo che si sperimenti con la paella: considerano la paella con chorizo (simile alla nostra soppressata) un’aberrazione non degna di essere chiamata tale, ma riso con altre cose. Consigliamo questo fantastico e divertente articolo chiamato “El talibán de la paella”. Lo chef inglese Jamie Oliver ha ricevuto moltissimi critiche per aver messo il chorizo (vedi sopra) nella sua paella, su Twitter è stato anche ampiamente deriso come puoi leggere qui. Altri piatti tipici valenciani sono il riso al forno (con sanguinaccio e costolette di maiale), e il riso nero (preparato con nero di seppia).

Ti piace la gastronomia spagnola? Quali piatti hai provato o vorresti provare? Se vieni a Valencia, assaggerai il miglior cibo valenciano nella mia degustazione di vini e tapas al Mercato Centrale, che puoi trovare qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...