L’influencer body-positive Lauren Edge: come trovare la felicità e la vera fiducia in sé stessi

Scritto da: Daniela Pisciottano, il 27/11/2020.

(N.B. Per la stesura di questo articolo ho scelto di mantenere il fenomeno “body positive” al maschile, proprio come appare spesso sul web negli ultimi tempi. Tuttavia, alcune ricerche hanno dimostrato che in alcuni casi si parla anche di “body-positivity” ma al femminile. Quale credete possa essere la traduzione corretta?)

Continua a leggere “L’influencer body-positive Lauren Edge: come trovare la felicità e la vera fiducia in sé stessi”

Lo Smart Working ha cambiato il modo in cui ci prepariamo per il lavoro?

Scritto da Rhiannon Wardle, il 16/10/2020.

(N.B. Per quanto riguarda la traduzione di questa tripla intervista, il tono era piuttosto informale, per questo ho deciso di mantenerlo anche nella versione italiana. Per il resto, unico accorgimento importante è l’aver esteso l’acronimo WFH – Work From Home – a “smart working” o “lavoro da casa”)

Continua a leggere “Lo Smart Working ha cambiato il modo in cui ci prepariamo per il lavoro?”

Intervista a Romina di “Ser Viajera”

Scritto da: Gonzalo Hernán Ramírez, il 23/04/2020.

(N.B. Nella traduzione vi sono alcuni termini culturo-specifici che ho deciso di non tradurre: in tal caso avrei dovuto parafrasare e, di conseguenza, allungare di molto la frase originale. Tali termini sono “porteña”, ossia un abitante di Buenos Aires al 100%; “alfajores” indica invece diversi dolci comunemente preparati in Spagna e Sud America)

Continua a leggere “Intervista a Romina di “Ser Viajera””