Esiste un pulsante per spegnere le nostre emozioni?

Scritto da: colorfulzone, il 26/05/2021.

(N.B. Una traduzione bella intensa, che ha richiesto un particolare lavoro di revisione soprattutto. Mi piace molto accettare sfide come queste, che dite l’avrò vinta?)


È vero che probabilmente non vogliamo che le nostre emozioni controllino ciò che facciamo. Ma possiamo invertire completamente questo processo? Possiamo controllare le nostre emozioni e i nostri pensieri? A volte sembra che si aspetti di fare ciò:

– Non essere triste!
– Non essere sciocco, non è importante!
– Non aver paura! Non c’è niente di cui aver paura
– Smettila di preoccuparti!

Possiamo scegliere di porre fine alla preoccupazione e alla tristezza? La verità è che non esiste un interruttore “on-off” per le nostre emozioni. Ma questo non significa che non abbiamo alcun controllo su di loro, al contrario vuol dire solo che il nostro controllo è forse inferiore a quello che potremmo aspettarci.

Allora cosa possiamo fare, se le emozioni corrono libere dentro di noi?

Riuscire a controllare e gestire le emozioni è senza dubbio importante per il nostro benessere. Tuttavia, tutto ciò è diverso dall’intenzione di porre fine del tutto a una certa emozione.

Ad esempio, potremmo usare strategie per diminuire le emozioni spiacevoli; potremmo iniziare a parlare con un amico e, di conseguenza, sentirci meno ansiosi o tristi. D’altra parte, dire a noi stessi di “smetterla di sentirci ansiosi o tristi” non sarebbe utile. Allo stesso modo, potremmo scegliere di ascoltare una canzone che ci piace per sentirci allegri, ma decidere semplicemente di “rallegrarci” non avrò alcun effetto.

Come potremmo gestire le emozioni?

– Se provi rabbia e collera travolgenti, troverai utile tenere il ghiaccio tra le mani.
–Se ti senti troppo stressato da non riuscire a concentrarti, una soluzione potrebbe essere pensare ad un colore, e contare tutto ciò che è di quel colore intorno a te.
–Se ti senti triste, potresti trovare utile parlare con qualcuno o esprimere come ti senti disegnando o dipingendo.

È una cattiva o una buona notizia?

Beh, da un punto di vista scientifico, è una buona notizia! Le emozioni sono lì per “fare qualcosa” per noi, quindi spegnendole o accendendole, ci perderemmo i messaggi importanti che stanno cercando di darci.

Vediamo alcuni esempi:

Ansia

Il tuo cervello è un esperto nel rilevare il pericolo, ed è così da molto tempo! Sappiamo che la vita dei nostri antenati dipendeva da quanto fossero in grado di proteggersi dai predatori o da qualsiasi altro pericolo nel loro ambiente. Più erano in grado di “stare preparati e vigili”, maggiori erano le loro possibilità di sopravvivenza.

“L’ansia” li ha aiutati a raggiungere quell’attenzione. Sentendosi stressati, si sono preparati mentalmente e fisicamente a combattere, fuggire o fermarsi di fronte al pericolo. Immagina cosa sarebbe succeso se non si fossero mai sentiti costretti a essere sempre pronti, restando comodamente seduti mentre un predatore era nelle vicinanze!

Anche se potrebbe non esserci più alcun predatore dietro l’angolo, ci sono pur sempre esami, colloqui, incontri e concorsi per i quali dobbiamo essere preparati. La giusta dose di “Ansia”, in questi casi, ci aiuta ad essere debitamente preparati. A volte, però, il nostro cervello potrebbe sentirsi più ansioso di quanto se ne necessiti. Ecco perché è utile imparare a usare strategie che “regolano” o “gestiscono” la nostra ansia.

Tristezza

Spesso, se siamo completamente soddisfatti di come stanno le cose, siamo meno motivati ad andare avanti o a migliorare. La tristezza può effettivamente essere un buon segnale per noi per continuare a muoverci e fare del nostro meglio. Dopotutto, è più probabile che ci si impegni di più in una situazione difficile se ci rende “tristi”! Immagina se continuassi a perdere i tuoi averi, ma ne fossi felice!

Questo è il motivo per cui i sentimenti spiacevoli ci aiutano effettivamente a raggiungere obiettivi e migliorare. Cosa ne pensi? Sei d’accordo che non avere un interruttore “on-off” sia una buona notizia?

Com’è sentirsi insensibili?

Potresti aver provato una sorta di insensibilità. È quando non sentiamo le nostre emozioni, piacevoli o spiacevoli che siano. Non possiamo sentirci ansiosi o felici, energici o tristi. Anche se questa potrebbe essere una reazione a una situazione troppo opprimente, significa anche che potremmo perdere ciò che le nostre emozioni hanno da dirci.

Sources:

https://psycnet.apa.org/doiLanding?doi=10.1037%2Fbul0000093

Libro: The Happiness Trap by Russ Harris

https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/10253890.2019.1631794

https://greatergood.berkeley.edu/article/item/four_ways_sadness_may_be_good_for_you

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...