INTERVISTA A JULIA REES

Scritto da: Gonzalo Hernán Ramírez, il 03/09/2020.

(N.B. Mi è piaciuto riorganizzare le frasi e le sintassi, rendendole più scorrevoli. Talvola ho deciso di spezzare dei periodo che, letti in italiano, sarebbero risultati troppo lunghi e privi di pause)


Julia. Nata nel Regno Unito e residente in Francia da 25 anni.
Appassionata di moda e viaggi.
Ideatrice del sito web “Style With Julia”. Aiuta le donne a trovare il loro stile personale unico e a cambiare il loro modo di vedersi e sentirsi.
Oggi ci racconta la sua interessante storia, i suoi sogni e la sua vita!


·         Sei nata nel Regno Unito. In quale città? Com’è stata la tua infanzia?

Sono nata a Liverpool, nel nord dell’Inghilterra, e lì ho trascorso un’infanzia molto felice. Sono figlia unica quindi ero molto legata ai miei genitori e mio padre mi portava ad Anfield per le partite in casa del Liverpool!

·         Cosa sognavi di diventare quando eri piccola?

Non sapevo davvero cosa sarei voluta essere. Aveva tanti interessi eppure non aveva una passione che risaltasse sulle altre.

·         Cosa fanno i tuoi genitori? Qual è la cosa più importante che ti hanno insegnato?

I miei genitori sono morti diversi anni fa, ma la cosa più importante che mi hanno insegnato è stato il rispetto verso le altre persone e il trattare gli altri così come vorresti essere trattata. Questo, e anche che se puoi ottenere qualunque cosa tu voglia nella vita, se credi in te stesso e ce la metti tutta.

·         Come è composta la tua famiglia?

Sono sposata e ho due figlie adulte, una vive in Francia e l’altra nel Regno Unito, sebbene entrambe siano cresciute in Francia.

·         Vivi in Francia da 25 anni. Come ci sei arrivata? Avevi un progetto? Il piano originale era di stabilirsi lì o lo hai deciso man mano? Come sono stati i tuoi primi giorni? Conoscevi la lingua? Ci sei andata da sola?

Inizialmente sono venuta in Francia per uno scambio di lavoro di sei mesi con il nostro ufficio di Parigi. Sono venuta da solo, non parlavo la lingua e non avevo intenzione di restare! I miei primi giorni sono stati “impegnativi”, ma molto presto mi sono innamorata di Parigi, per non parlare del mio futuro marito!

·         Ti sei laureato come contabile e anche come insegnante di scuola superiore. Cosa pensi di quelle scelte? La tua famiglia ha influenzato? Sono le tue passioni? Hai esercitato entrambe? Come mai non le pratichi più oggi?

Inizialmente mi sono qualificato come dottore commercialista, da più di quello che vorrei ricordare, e ho esercitato per circa 15 anni, alcuni nel Regno Unito e altri in Francia. Ho deciso di riqualificarmi come insegnante di scuola superiore quando le mie figlie stavano crescendo, in modo da poter passare più tempo con loro ed ero anche affascinata dall’idea di lavorare con i ragazzi delle scuole superiori.

·         Come insegnante, quali difficoltà hai trovato nel gestire un gruppo di ragazzi? Quali sono stati i momenti che ti sono piaciuti di più? Cosa ti manca di quei giorni? È stato difficile guadagnare la loro attenzione e rispetto?

Penso che il fatto di essere arrivata ad insegnare in età avanzata e dopo 15 anni di esperienza lavorativa mi abbia aiutato moltissimo. Avevo già le mie figlie, e la più grande si stava avvicinando al liceo, quindi non ero “terrorizzata” dal gestire un gruppo di bambini. Penso che il consiglio dei miei genitori su come trattare le persone con rispetto e il consiglio di mia figlia che “gli adolescenti sanno con chi possono scherzare nel momento in cui entri in classe” mi hanno aiutato ad affrontare le lezioni con serenità.

Volevo davvero fare la differenza e aiutare, quindi penso che mi è piaciuto essere un'”insegnante alla mano” più che insegnare la mia materia. Sebbene mi appassionasse l’insegnamento, sono arrivata a un punto in cui lo trovavo estenuante e non ero più motivata come all’inizio, ho capito quindio che era ora di andare avanti, e mi era sempre piaciuto lo stile, così, quando si è presentata l’opportunità di potermi qualificare come stilista personale, ho sentito che era la cosa giusta da fare in quel momenti.

·         Di cosa ti occupi? Come lo definiresti? Cosa ti piace fare di più del tuo lavoro?

Ora sono una coach di stile e fiducia e mi piace perché unisce la mia passione per lo stile con la mia voglia di fare la differenza; e combina la mia formazione sullo stile e le mie capacità di insegnamento. Adoro la sensazione che provo quando vedo una donna entrare nel suo nuovo stile/trovare il suo bagliore e ritrovare la sua sicurezza. È molto gratificante.

·         Quando hai aperto il tuo blog? Cosa vuoi condividere con esso?

Sono sempre stata appassionata di moda, bellezza e viaggi e ho trascorso gran parte del mio tempo libero alla ricerca di prodotti di bellezza, facendo shopping (o almeno guardando le vetrine) e pianificando la mia prossima vacanza! Nel settembre 2015, ho deciso di aprire un blog per divertimento e condividere la mia passione per la moda, la bellezza e i viaggi. Scrivo di luoghi che ho visitato, prodotti di bellezza che amo e consigli di stile.

·         Hai detto che è molto importante come ci si veste, i colori che usiamo, che influenzano l’interazione con gli altri. In che senso?

Durante il mio viaggio con il blog, mi sono resa conto di quanto vestirsi in base alla forma e il colore del tuo corpo possa influire sulla tua sicurezza, e che cambiare il tuo aspetto esteriore cambia anche il modo in cui ti senti dentro, il che influenza il modo in cui interagisci con gli altri. I tuoi vestiti non sono semplicemente cose da indossare la mattina, ma un’espressione di chi sei e di come ti senti. Il tuo stile è inviare messaggi al mondo prima di aprire bocca, il tuo stile comunica chi sei, cosa valorizzi e quali sono i tuoi sogni e desideri. Siamo tutti giudicati in base al nostro aspetto e alcuni impiegano solo 7 secondi per farsi un’opinione su di te. Non è giusto, ma poiché sappiamo che è vero, possiamo utilizzarlo a nostro favore e assicurarci che i nostri vestiti inviino i messaggi giusti.

Il tuo stile può aprire la porta o colpire dritto in faccia!

·         Hai fondato un’agenzia chiamata “Style with Julia”. Di cosa tratta il progetto?

“Style with Julia” è stata fondata per aiutare le donne a trasformare la loro vita personale e professionale aiutandole a trovare il loro stile, fiducia e bellezza interiore in modo che possano apparire e sentirsi al meglio ogni giorno e vivere la loro vita al massimo delle loro potenzialità. Non solo ti dico cosa indossare, ti do gli strumenti per scoprire il tuo stile personale unico e il processo per cambiare il modo in cui appari e ti senti PER SEMPRE!

·         Aiuti le donne a trovare il loro stile? Fai anche consulenza tramite Zoom o Skype?

Sì, offro una formazione online tramite Zoom e presto lancerò corsi online per rendere il mio stile accessibile a più donne. Ho iniziato fornendo servizi “fatti per te” come analisi del colore, analisi della forma del corpo, rivoluzione del guardaroba e acquisti personali, ma presto ho capito che mi mancavano gli aspetti “formativi” della professione di insegnante e ho seguito un corso dal Life Coaching. “Style with Julia” è diventato un servizio di stile e coaching.

·         Come hai trovato il tuo stile?

Tutto è iniziato nel 2015, quando ho vissuto in prima persona la crisi da “camerino” durante un giro di shopping con mia figlia a Parigi. La aspettavo da anni, ma non aveva tenuto conto del fatto che ero malata da alcuni mesi e aveva preso peso! Ricordo di aver portato molti vestiti nello spogliatoio come al solito, super emozionata. E poi è arrivata la sorpresa! Non avevo più la più pallida idea di quali stili mi si adattassero, non potevo entrare nella taglia che portavo di solito, ed era “ciao sono la crisi del guardaroba” e magliette larghissime! E improvvisamente, lo shopping non era più divertente! Non so chi fosse più sorpresa: mia figlia o io! Ma, non accettando la sconfitta, ho deciso di seguire un corso di formazione di Personal Stylist per ritrovare il mio stile e la fiducia in me stessa. Mi sono così appassionata a tutto ciò che avevo imparato che ho deciso di fare un salto nell’ignoto e lanciare la mia azienda di styling e “Style with Julia” è nata per aiutare altre donne a trovare il loro stile e la loro fiducia.

·         Quali luoghi che hai visitato ti hanno affascinato? Quanti paesi hai già conosciuto?

Ho viaggiato molto in Europa e Nord America, ma devo ancora esplorare gli altri continenti. Mi piacerebbe visitare il Sud America (finora sono stato solo in Messico) e il Taj Mahal è nella mia lista dei desideri da molto tempo!

·         Cosa significa per te viaggiare?

Credo che viaggiare sia l’unica spesa che ti rende più ricco e che conoscere altre culture e stili di vita sia un’esperienza davvero gratificante e illuminante. Amo scoprire posti nuovi e viaggiare per me è anche una sensazione di avventura e libertà.

·         Quante lingue parli?

Parlo correntemente inglese e francese, ma purtroppo il mio livello di conoscenza di altre lingue è carente. Mi piacerebbe imparare lo spagnolo e l’italiano, anche se mi confondo tra i due!

·         C’è qualcosa che ti manca del Regno Unito?

Beh, vivendo così vicino al Regno Unito, è molto facile per me tornarci (quando non siamo in quarantena), quindi non proprio! Tuttavia, quando torno adoro andare in un pub inglese poiché è un ambiente completamente diverso da un caffè francese.

·         Cosa fai quando ti senti stressata?

Adoro fare una passeggiata nella natura o iniziare a pianificare la mia prossima vacanza!

·         Qual è stata la tua più grande gioia?

Dare alla luce le mie figlie (probabilmente anche il mio più grande dolore fisico!)

·         Cosa ti piacerebbe che accadesse da qui a 5 anni? Pensi che sia possibile?

Vorrei offrire una gamma più ampia di coaching, e vorrei anche collaborare con i business coach per offrire un pacchetto completo per aiutare la donna in carriera, in termini di stile e fiducia, ma anche in termini di sviluppo professionale. Sto anche pianificando di lanciare corsi online per rendere i miei suggerimenti di formazione accessibili a tutti entro la fine di quest’anno. E credo che tutto questo sia possibile, con pazienza, perseveranza e dedizione!

·         Ti piace cucinare? Qual è la tua specialità?

Non mi piace affatto cucinare, anche se amo mangiare! La mia specialità (se così si può chiamare) è la lasagna.

·         Quali sogni devi ancora realizzare?

Vorrei vedere la mia attività crescere ancor di più così da poter aiutare più persone. Vorrei viaggiare di più, ma sono già molto felice in questa fase della mia vita.

·         Di cosa hai paura?

Ragni!

·         Qualcosa che vuoi raccontarci che non ti ho chiesto?

Puoi saperne di più dei miei servizi sul mio sito web (StylewithJulia.com) e puoi ottenere consigli quotidiani sullo stile e sulla fiducia nel mio gruppo Facebook (Be Really You), dove posto anche i dettagli dei webinar gratuiti. E ovviamente puoi trovarmi su Instagram, dove combino stile e consigli di viaggio.

Completa la frase:

La cosa più importante è……. Famiglia, amici e buona salute

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...