Short Stories: Il Lago

Scritto da: Irina Santroni, il 27/06/2020.

(N.B. Per tradurre questo breve racconto, ho utilizzato in alcuni punti la sineddoche-ovvero cambiando la parte per il tutto e viceversa- e in altri mi sono avvalsa di qualche sinonimo per evitare ripetizioni. È stata una traduzione particolare, in quanto bisognava prestare attenzione ai tempi verbali, correlati con il tempo della narrazione)


Era già saltata sulla zattera quando è scoppiato l’incendio. Lo vedeva da lontano.

Duri inizi nelle rapide, era stata ferita e picchiata. Tutto le andava contro: il fiume voleva affogarla, le rocce fermarla, il vento rovesciarla. A volte dormiva, altre svaniva.

Il sole bruciava e la pioggia bagnava. Tuttavia, l’acqua dolce trascinava via l’acqua salata. Fu un sollievo quando, per tutte quelle curve stravaganti del fiume, le sembrava di essere tornata al punto di partenza. E così ebbe conferma e capì che non c’era nessun posto in cui tornare.

Poi l’incendio si prese tutto e la intrappolò in quelle curve. Le persone stavano scappando, altre stavano morendo. All’inizio riusciva addirittura a sentire il loro pianto. Poi il silenzio.

La sua battaglia era un’altra. Una precedente. Aveva dovuto lottare contro l’acqua per allontanarsi dalla fonte principale.

Ora è nel mezzo di un grande lago piuttosto calmo. Sebbene non sappia quanto tempo sia passato, il cielo stava cambiando. La brezza gelida a volte la intorpidisce. Il sole la riscalda solo a mezzogiorno.

Non riesce a immaginare cosa verrà dopo. Lontana dalla costa, ha ormai perso l’orientamento. Anche se avesse un posto dove andare, non le sarebbe possibile arrivarci senza vedere terra. Ma lei si fida delle stelle.

E nel frattempo resta forte, viva.

Con la speranza, forse, di affrontare tutto d’un pezzo.

Di esserci.

Di resistere.

Di evadere.

Fredda e rigida.

Sola ma libera.

Illuminata.

Sdraiata sulla zattera, guardando la volta oscura, aspettando che una stella cada per esprimere un desiderio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...