Le 10 cose più belle da fare a Siviglia

Scritto da: Julia Rees, il 18/05/2020.

(N.B. Scrivere questo post mi ha fatto tornare indietro nel tempo, ricordando una cultura magnifica ed infinita, non solo storica ma soprattutto linguistica. L’ho appicata tutta qui, in questa traduzione, con la speranza di trasmettervi l’amore verso una lingua così bella come lo spagnolo)


Quando ho visitato Siviglia all’inizio di marzo non pensavo affatto che sarebbe stato il mio ultimo viaggio per un bel po’ di tempo.

Tuttavia, è stato sicuramente un viaggio da ricordare: con un’architettura straordinaria, bellissimi parchi, moltissima cultura, tapas e ottimo cibo, Siviglia è una destinazione imperdibile.

La capitale dell’Andalusia è ricca di storia con le sue antiche mura moresche, le rovine romane, l’architettura rinascimentale, le chiese barocche e la cattedrale gotica più grande del mondo. È rinomata per la sua eroina gitana, Carmen, la magia del flamenco e le afose piazze ricolme di aranci. Al crepuscolo, dirigiti verso uno dei moltissimi bar presenti sui tetti della città, il Plaza d’España o il Metropol Parasol, per intravedere il sole tramontare.

Visita la città in primavera quando nell’aria c’è un forte profumo di fiori d’arancio e di limone, e il clima caldo è alle porte. Ero così ispirata dai cortili piastrellati e profumati che ho comprato 2 alberi di limoni quando sono tornato a casa, e attualmente sto ridisegnando il mio cortile per aggiungere alcune piastrelle di ceramica!

Ecco le mie dieci cose migliori da fare a Siviglia e perché Siviglia dovrebbe essere nella tua lista destinazioni da sogno.


1. Visita il Real Alcazar

Il Real Alcazar è un ottimo posto per iniziare la tua visita a Siviglia. Questo bellissimo complesso di palazzi, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, è ancora utilizzato dalla famiglia reale spagnola: le loro stanze, sale di rappresentanza e saloni si trovano al livello superiore (Il Cuarto Real Alto) e puoi pagare un extra per poterli visitare assieme ad una guida.

La maggior parte del complesso è costruito in uno stile Mudejar, spesso utilizzato per gli edifici moreschi non islamici.

Fu originariamente pensata come fortezza nel 913, ma è stato rinnovata molte volte nel corso degli anni, in modo più spettacolare nel XIV secolo, quando il re Pedro aggiunse il “Palacio de Don Pedro”, che è ancora il fiore all’occhiello dell’Alcazar.

Anche i sontuosi giardini meritano una visita, mentre passi da un bel cortile all’altro e c’è un divertente labirinto di siepi (da cui non è poi così facile uscire, al contrario di quel che sembra!).

Una delle caratteristiche più sorprendenti dei giardini e il posto migliore per un punto di osservazione è la Galeria de Grutesco, una galleria rialzata con portici modellati nel corso del XVI secolo.

In estate puoi assistere a un concerto notturno all’aperto all’Alcazar, ed è un’esperienza davvero magica con il muro di pietra grutesco sullo sfondo, la luce della luna che traspare tra le palme e gli splendidi suoni della musica classica che si diffondono nell’aria.

Se ti sembrano un po’ familiari, è probabile che tu li abbia visti nei Giardini Acquatici di Dorne in “Game of Thrones”.

Si trova spesso la coda all’ingresso, quindi è consigliabile prenotare il biglietto con largo anticipo, ma se sei disposto ad aspettare un po’, l’ingresso gratuito è il lunedì pomeriggio.

Prezzo: € 11,50 se acquisti un biglietto al momento, (gratuito l’ultima ora il lunedì)
Orario: da ottobre a marzo: 9:30 – 17:00, da aprile a settembre fino alle 19:00
Durata consigliata della visita: 2-3 ore


2. Visita la tomba di Cristoforo Colombo all’interno della Cattedrale e sali sulla Giralda per godere di una vista spettacolare.

Si dice che sia la terza cattedrale più grande del mondo e la più grande cattedrale gotica.

Fu costruita tra il 1434 e il 1517, sui resti di quella che in precedenza era stata la moschea principale della città e si possono ancora vedere le tracce di quella stessa moschea che un tempo sorgeva lì, soprattutto nella Corte degli Aranci a nord della cattedrale, dove i fedeli si lavavano mani e piedi nelle fontane prima delle loro cinque sessioni di preghiera giornaliere.

Le sue dimensioni sono impressionanti con una navata centrale che si innalza fino a ben 42 metri e 80 cappelle laterali, ognuna delle quali sembra abbastanza alta da contenere una chiesa ordinaria. L’area totale copre 11.520 m2.

Di seguito sono riportati gli orari di visita “regolari”. Tuttavia, potrebbero subire delle modifiche senza alcun preavviso per accogliere le funzioni religiose. Il prezzo e l’orario consigliato includono l’ingresso alla Giralda.

Orario
Lunedì: dalle 11:00 alle 15:30 e dalle 16:30 alle 18:00
Dal Martedì al Sabato: dalle 11:00 alle 17:00
Domenica dalle 14:30 alle 18:00
Prezzo: Adulti € 9, bambini € 4 Ingresso gratuito per disabili e ingresso gratuito il Lunedì dalle 16:30 alle 18:00
Durata consigliata della visita: 2 ore

Non perdere la tomba di Cristoforo Colombo e ricorda di salire sul campanile della Giralda, che un tempo era il minareto della moschea. Puoi acquistare un biglietto combinato per l’ingresso sia alla cattedrale che al campanile.

La cosa insolita della torre è che non ha scale! Ha, invece, 34 rampe che portano in cima. Apparentemente, è stata progettata in questo modo cosicché il Muezzin (che guidava la chiamata alla preghiera) potesse cavalcare il suo cavallo su per la torre invece di camminare.

Ci sono mostre archeologiche permanenti durante la salita e la vista di cui si può godere dall’alto valgono lo sforzo (basta prendere delle scarpe comode, dato che è comunque una bella passeggiata!)

Prezzo: incluso nel tuo biglietto per la Cattedrale di Siviglia


3. Passeggia nel quartiere di Santa Cruz

Il quartiere di Santa Cruz è l’ex quartiere ebraico di Siviglia e ospita alcune delle principali attrazioni turistiche, come il Palazzo Alcazar e la Torre Giralda.

Tuttavia, vale anche la pena girovagare per questo quartiere, che è un labirinto di strade strette e vicoli, dove puoi esplorare e goderti uno dei tanti ristoranti (turistici) o piazze attraenti.

Se vuoi sfuggire al caldo e al rumore della città, dirigiti ai “Jardines de Murillo”, situati all’estremità orientale del quartiere, appena oltre i famosi giardini dell’Alcazar, e rilassati all’ombra di un albero.


4. Passeggia nel Parco Maria Luisa e visita l’iconica Plaza de España

Il Parco Maria Luisa è il più grande spazio verde nel centro di Siviglia e il luogo perfetto per sfuggire al trambusto del centro città, con i suoi ombrosi sentieri alberati, gli stagni con delle dolci anatre e i giardini paesaggistici.

In origine apparteneva al vicino Palazzo San Telmo, risalente al 1500.

Alla fine del XIX secolo i terreni furono donati alla città dall’infanta Luisa Fernanda e presero la forma attuale dopo una ristrutturazione avvenuta nel 1911.

All’ingresso del parco troverai l’iconica Plaza de España, forse uno dei monumenti più noti di Siviglia la cui architettura è sbalorditiva!

Fu costruito per l’Esposizione Iberoamericana del 1929 ed è il sogno di un fotografo e di un Instagrammer, con la sua ampia piazza, delimitata da un canale, piastrelle di ceramica colorate e splendidi fiori, il tutto sovrastato da un immenso palazzo ricurvo. Cerca la statua dell’architetto Aníbal González, e ammira la sua creazione.

Cammina lungo la galleria, dove vedrai busti di alcune delle figure nazionali più importanti, ma troverai anche una serie di quadri composti da piastrelle di ceramica dipinte che raffigurano mappe e dettagli, come cibo locale e monumenti famosi di ogni provincia spagnola.

Al giorno d’oggi, il palazzo contiene molti degli edifici amministrativi della città.

Prezzo: gratuito
Orario: aperto dalle 8:00 alle 22:00 in inverno, fino a mezzanotte in estate
Durata consigliata della visita: 2-3 ore


5. Visita uno dei tanti musei per vivere un’esperienza culturale

Oltre ad essere un’oasi di calma, il centro di Siviglia e casa di Plaza de España, il Parco Maria Luisa con i suoi ben 34 ettari di estensione e con il più sgargiante degli edifici completati per l’expo del 1929, è anche sede di molti musei della città.

Il museo archeologico nel sud del parco ha alcune meravigliose sculture romane, mosaici e statue, molte delle quali provenivano dal sito archeologico di Itálica, appena fuori Siviglia.

Come la Plaza de España, è stato costruito per l’Esposizione Iberoamericana e ospita anche manufatti delle culture fenicia e tartessiana.

Prezzo: gratuito per i residenti nell’UE, €1,50  per il resto del mondo

Anche questo museo, che comprende usi, costumi e tradizioni tipiche di Siviglia, è stato costruito per l’esposizione ed è ospitato nel padiglione mudejar, proprio di fronte al museo archeologico.

Qui vedrai oggetti di uso quotidiano di tutta la storia di Siviglia, tra cui ceramiche del XVI secolo e grandi esposizioni di spade e coltelli forgiati in città.

Una sezione ti conduce attraverso i vari laboratori relativi ai mestieri storici di Siviglia, come la produzione di piastrelle, la lavorazione dei metalli, i merletti e la fabbricazione di botti per lo sherry locale.

Prezzo: gratuito per i residenti nell’UE, €1,50  per il resto del mondo


6. Passeggia fino al Metropol Parasol dove passato, presente e futuro si intrecciano

Per un cambio completo di stile architettonico, dirigiti al Metropol Parasol, conosciuto localmente come “Las Setas” (“I funghi”), uno dei più recenti punti di riferimento iconici di Siviglia in Plaza de la Encarnación.  

È stato costruito nel 2011 su progetto dell’architetto tedesco Jürgen Mayer H, e le rovine romane e moresche che sono state portate alla luce durante gli scavi della piazza sono state abilmente incorporate nelle fondamenta del Parasol. I moderni ponti di vetro ti consentono ora di sbirciare le fondamenta scavate di un’enclave romana del I secolo e i resti di una casa moresca del XIII secolo.

Sei giganteschi “ombrelloni” svettano a circa 30 metri sopra la piazza e assomigliano a un grappolo di funghi giganti, da cui il loro soprannome.

Ospita un vivace mercato alimentare, il Mercado de la Encarnación, diversi caffè e bar di tapas, e Plaza Mayor, uno spazio progettato per ospitare eventi all’aperto, concerti e festival di flamenco.

Puoi prendere l’ascensore attraverso i tronchi degli ombrelloni a forma di albero fino ai ponti di osservazione con viste mozzafiato sulla città.

Come dice Mayer H. della sua creazione: “Riguarda il passato, il presente e il futuro.”

Orario: 10.00 – 22.30 (23.00 Venerdì e Sabato)
Prezzo: €3 (gratuito per i bambini con meno di 5 anni e per i residenti di Siviglia)
Durata consigliata della visita: 1-2 ore


7. Passaggi lungo il quartiere Triana sulla riva sinistra

La maggior parte delle persone lascia Triana fuori dal suo itinerario di Siviglia: non c’è molto in termini di musei o chiese grandiose, ed è dall’altra parte del fiume “Guadalquivir”, lontano dalla maggior parte delle principali attrazioni turistiche della città. Ma ciò che questo quartiere storico manca in termini di monumenti, è più che compensato in “atmosfera”

Come molte altre zone della “riva sinistra” (come Saint Germain a Parigi, Trastevere a Roma, Brooklyn a New York) Triana merita una visita. È un piccolo quartiere vivace, brulicante di spirito gitano, stile flamenco, ceramiche meravigliose e alcune delle migliori tapas della città.

Non appena attraversi il fiume (probabilmente prendendo il ponte Isabel II dalla parte principale della città), ti troverai in un mondo diverso.

Non perderti i deliziosi panorami, odori e suoni del mercato di Triana, ricco di prodotti locali freschi. Ancora oggi tipicamente un mercato locale, è stato costruito sulle rovine del Castillo de San Jorge, l’ex quartier generale dell’Inquisizione spagnola, dove coloro che si credeva fossero eretici venivano processati, imprigionati e bruciati sul rogo. (Puoi visitare il museo adiacente se ti interessa saperne di più su questo periodo della storia spagnola.)

Se acquisti anche solo una cosa mentre esplori il quartiere di Triana a Siviglia, che sia in ceramica, poiché questa zona ospita alcuni degli ultimi autentici produttori di ceramica rimasti in città.

È anche una delle zone migliori per vivere il flamenco ed è rinomata per le sue tapas.


8. Passeggia lungo la riva destra e visita la Torre dell’Oro

Quando si riattraversa il ponte Isabel si può fare una piacevole passeggiata lungo il fiume verso la “Torre del Oro”. Puoi camminare praticamente per tutto il percorso lungo la riva del fiume, facendo una rapida deviazione per vedere Plaza de Toros, l’arena della corrida costruita più di 250 anni fa.

Poi arriverete alla “Torre del Oro”, o “The Gold Tower”; la torre di guardia eretta nel XIII secolo e ora sede di un museo marittimo. Vale la pena visitarla e dalla cima della torre si può godere di una splendida vista su Siviglia.

Orario
Dal Lunedì al Venerdì: dalle 9:30 alle 18:45, il fine settimana dalle 10:30
Prezzo: Adulti € 3, bambini €1,50 Ingresso gratuito per disabili. Ingresso gratuito il Lunedì
Durata consigliata della visita: 1 ora

È anche il luogo dove poter salpare per una crociera sul fiume, con partenze ogni 30 minuti. Una crociera sul fiume è un ottimo modo per avere un’idea di Siviglia e un’eccellente panoramica della città.

Orario: Dalle 11:00 alle 23:00 e le crociere durano 1 ora
Prezzo: I biglietti partono da €12,50 a seconda della compagnia che scegli
Durata consiglia della visita: 1 ora


9. Assisti a uno spettacolo di flamenco tradizionale o a un giro in carrozza

E, naturalmente, nessuna visita a Siviglia sarebbe completa senza una visita a uno spettacolo di flamenco e/o un giro in carrozza.

L’Andalusia è spesso definita la culla del flamenco, quindi quale posto migliore per assistere a uno spettacolo di tale danza? Ci sono molti spettacoli in tutta la città, anche se Triana è considerata una delle zone migliori per assistervi.

Orari: la maggior parte degli spettacoli di flamenco a Siviglia si tengono due (o talvolta 3) volte dalle 19:00 circa
Prezzo: i biglietti partono da circa 18 € a seconda di quando e dove vai

Se vuoi saperne di più su questa appassionata espressione di canto, danza e musica, allora ti consiglio una visita al Museo della Danza Flamenca.

Un giro su una delle tante carrozze trainate da cavalli abilmente ornate è una delle cose più iconiche da fare a Siviglia, e ci sono moltissimi posti da cui poter partire. Il primo è nel cuore della città tra la Cattedrale e il Real Alcazar. Qui potrai saltare su e iniziare un tour sulle principali attrazioni della città. In alternativa, se preferisci allontanarti dal traffico, puoi fare un giro nel Parco Maria Luisa, partendo da Plaza de España. Tuttavia, ne ho lette un po’ di tutti i colori riguardo la qualità di questo tour: le conoscenze linguistiche sono spesso un ostacolo, e pare che si tratti sempre più spesso di una visita a cose piuttosto che agli scorci più belli della città.


10. E, ovviamente, non dimenticare di provare il cibo e il caffè locale

Nonostante ci siano tantissimi bar e ristoranti che propongono numerosissime tapas, ti consiglio uno dei più piccoli bar di Santa Cruz o di Triana.

Se cammini per le strade strette di Santa Cruz, ti troverai in una piccolissima piazzetta dove potrai assaporare una dolce atmosfera e scegliere tra un’ampia gamma di tapas. Oppure potresti tornare (indietro) sul ponte Isabel II di Triana, dove potrai mescolarti alle persone del posto, e dove la scelta paragonata al costo è assolutamente incredibile!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...